Comunicazione di servizio

Il recente cambio di piattaforma attuato da MyBlog mi sta creando parecchi grattacapi che non sto qui ad elencare.

Ho aperto un nuovo blog:
http://nonsonoipocondriaco.wordpress.com/

Il contenuto è il medesimo.
Per alcuni giorni i 2 blog andranno avanti a braccetto, poi continuerò solo su quello nuovo (a meno di miracolosi miglioramenti da parte di MyBlog).
Grazie

Kikkakonekka

Effetti collaterali

Dopo 4 giorni di assunzione di Cipralex posso dire che, tra i 412 effetti collaterali più o meno probabili statisticamente, quello che maggiormente mi sta colpendo è l’inappetenza. Sto mangiando a forza, e sento lo stomaco chiuso come i negozi a ferragosto.
Oggi per esempio ero in mensa, e nemmeno il risotto ai funghi porcini mi ha attratto, cosa del tutto fuori dalla norma dato che io adoro sia i risotti che i funghi. Ho deglutito un tramezzino ai gamberetti e lattuga e poi alla cassa mi sono fatto tentare da un cioccolatino. Nonostante questo non mi sento affamato ed anzi lo stomaco ha sempre le serrande abbassate.
Come effetto collaterale non è neanche malaccio, dato che è da tempo che vorrei perdere 2-3 chili e forse questa è la volta buona. Diciamo anche che tra gli effetti collaterali è anche uno dei più innocui, dato che il bugiardino delle compresse Cipralex (cha date le dimensioni potrebbe anche essere utilizzato come lenzuolino oppure se ripiegato come piccola tenda da campeggio) cita a caso le seguenti spiacevoli conseguenze:
– comportamenti suicidari
– ostilità
– collera
– aggressività
– ansia paradossa
– alterazione glicemica
– autolesionismo
– manifestazioni emorragiche
– ecchimosi
– agitazione
– tremore
– ipertermia
– alterazione al metabolismo
– rischio per la guida di veicoli
– rischio per l’uso di macchinari
– alterazioni della nutrizione (ECCOMI!!)
– alterazioni del sistema nervoso
– alterazioni dell’apparato respiratorio
– alterazioni dell’apparato gastro-intestinale
– disordini del sistema riproduttivo
– disordini della mammella (io da questo credo di essere escluso)
– disturbi oculari
– alterazioni del sistema vascolare
– alterazioni del sistema epatobiliare
– alterazioni dell’apparato muscoloscheletrico e del tessuto connettivo
– alterazioni renali e delle vie urinarie
– capogiro
– vomito
Questi i principali.
Ora, è mai possibile che io non riesca a trovare “in me stesso” la giusta soluzione dei miei mali senza dover passare per un medicinale più fetente del gas nervino?

vela.jpg
Un gruppo di depressi utilizza il bugiardino del Cipralex come vela per la loro imbarcazione.

Dal Dr. Wolf

Ieri pomeriggio sono andato dal Dr. Wolf per le necessarie prescrizioni.
Intanto ho dovuto prendere una prima decisione: pollo affogato o pollo fritto?
Il pollo sarei io.
Premessa: ho dovuto parcheggiare a circa 300 metri dall’ambulatorio, ed in quel momento sembrava di essere a Baghdad tanti erano il lampi e tuoni dai quali ero circondato. Il lampo ed il tuono erano pressoché contemporanei, per cui i fulmini cadevano a pochissima distanza da dove mi trovavo. E pioveva che sembrava di trovarsi sotto le cascate del Niagara. Quindi la decisione era: prendere l’ombrello (con la punta di ferro) e rischiare di trovarsi fulminati nel giro di 5 secondi, oppure inzupparsi fino alle mutande per arrivare di corsa in ambulatorio fradicio ma vivo? Ho scelto la seconda, ho corso più veloce di Bolt, e sono entrato in sala d’attesa che sembravo appena uscito dalla doccia vestito.
Stupore: aula gremita in ogni ordine di posti, addirittura gente i piedi. Ecco, io credevo che con un tempo del genere solo pochi temerari avrebbero osato andare dal medico, ma evidentemente mi ero sbagliato.
Ma la fortuna mi arrideva. Come forse sapete dal Dr. Wolf si creano 2 file (virtuali) una per le visite ed una per ricette e prescrizioni, e si entra in alternanza. Bene, io ero l’unico tra i presenti in attesa di ricette e dunque all’uscita della prima visita sono potuto entrare io, rendendo i volti dei presenti lividi di invidia.
In soli 60 secondi il Dr. Wolf mi ha prodotto:
– impegnativa per ulteriori 8 visite psichiatriche
– ricetta per il farmaco anti depressivo
– ricetta per il farmaco anti reflusso
– ricetta per il farmaco antistaminico per MDM e figli
Uscito dall’ambulatorio ho salutato la folla invidiosa e mi sono buttato a capofitto sotto la pioggia, facendo anche in questa occasione un tempo da olimpiade.

Farmaci scaduti

Ecco l’usuale ricerca dei farmaci scaduti all’interno del mobiletto delle medicine. In data 30 aprile mi sono scaduti:

Nasonex: uno spray nasale indicato nel trattamento dei sintomi della rinite allergica stagionale. Fu comperato da MDM (Mia Dolce Metà) qualche anno fa, e riposto con cautela nel mobiletto dopo un paio di erogazioni (sulla confezione c’è scritto “140 erogazioni”). Ci lascia senza particolari rimpianti.

Rifacol compresse: contro le infezioni intestinali, non ho alcuna memoria su quando le comprammo e per chi. Di 12 compresse ce ne sono ancora 6.

Cetirizina: farmaco generico (alias Zirtec). Questo antistaminico a noi serve, perché moglie e figli hanno varie allergie e quindi va assolutamente fatto riordinare al più presto, visto che è anche il periodo in cui si rende maggiormente necessario.

Basta. Questo mese il mobiletto non si svuota molto, prossima scadenza 31 maggio.

Correre

Chi ha subito traumi alla schiena, oppure operazioni chirurgiche per ernie discali capisce benissimo cosa sto dicendo: la corsa, anche il semplice footing, non vanno d’accordo con il nostro stato di salute. Nuoto? OK. Pedale? OK. Corsa? NO.
Io non sono un appassionato del footing ad ogni costo, però almeno 2-3 volte al mese mi facevo i miei Km, tornavo a casa grondante, le prime volte con le gambe a pezzi. Mi cronometravo, avevo i miei tempi di marcia, con la forza di volontà cercavo di superare i miei limiti fisici.

Poi basta.

La schiena, il dolore, il riposo assoluto, la lombosciatalgia bilaterale, e poi le terapie, l’intervento, il post operazione, etc etc.
Non corro da 2 anni. Il movimento sussultorio della corsa può influire negativamente sulla colonna vertebrale ed in particolare nella zone oggetto della operazione.
Ho deciso di fregarmene.
Ho valutato i pro ed i contro. Non posso vivere circondato da limiti e divieti. Correre era un tentativo di tenermi in forma, ora diventa una conquista, una voglia di libertà. Farò solo pochi Km, avrò certamente male alle gambe ed il fiato corto, ma sarà una vittoria, lo sento.

Se vado da una psichiatra è (anche) perché mi sento limitato, ed anche una semplice corsetta può aprire uno spiraglio verso il miglioramento del mio stato psico-fisico.
Per quanto riguarda la schiena: essa subisce quotidianamente traumi ai quali siamo abituati, anche la postura non è, almeno nel mio caso, perfetta al 100%. Non credo che 30 minuti di corsa possano fare pegggio di 8 ore seduti davanti ad un PC per fare analisi di dati.
Il Dr. Wolf mi direbbe “faccia come vuole… ” con i puntini di sospensione che tradotti significano “ma io non sono d’accordo”. Ma sento che devo liberarmi da molte catene, voglio riprendere in mano la mia vita come era 2 anni fa, e ce la farò. Anche iniziando da una piccola corsetta.

Laringoscopia in arrivo

Domani ho la “laringoscopia endoscopica con sedazione”. Non sono del tutto tranquillo, ho come la sensazione che qualcosa andrà storto.
Potrebbe essere che la sedazione sia fastidiosa oltre misura, potrebbe essere che l’esame in se sia doloroso nonostante la sedazione, potrebbe essere (e questo è il mio maggior timore) che l’esame evidenzi qualche problema da dover risolvere. Mi riferisco al problema di ostruzione faringea che, se confermato di grado elevato, avrà bisogno di un intervento chirurgico di correzione.
Non esiste proprio.
Mi auguro che tutto vada per il meglio, anche per il fatto che è da molti mesi che non ho più avuto quelle pericolose apnee notturne che sono state il motivo di questi ultimi esami.